Archivio news

Tutti speravamo che il 2021 fosse l’anno della svolta contro il Covid-19. E in effetti lo è grazie alla diffusione del vaccino, ma ci vorrà tempo prima di poter riprendere pienamente in mano le nostre vite. La scuola e il mondo dell’istruzione più in generale, è uno dei settori che ha più risentito della crisi. Ritmi, abitudini, metodologie e organizzazione dell’istruzione e della formazione sono stati completamente stravolti. Ma c’è da dire che il virus ha permesso a tutto il settore dell’istruzione di accelerare quel processo di “svecchiamento” permettendo un “balzo” in avanti dal punto di vista dell’uso delle nuove tecnologie. La Dad (Didattica a distanza) o la Did (Didattica digitale integrata) rappresentano una tecnologia ormai acquisita all’interno del mondo scolastico e anche se, si auspica che si possa ritornare al più presto a svolgere lezioni in presenza, questa metodologia ha dimostrato di poter essere comunque molto utile per potersi integrare nei percorsi di istruzione e formazione. Se ne parla anche nell’Atto di indirizzo politico-istituzionale del Ministero dell’Istruzione, pubblicato proprio in questi giorni. L’obiettivo è, infatti, innovare anche per il 2021 le metodologie didattiche e gli ambienti di apprendimento. Come farlo? Ecco i punti da sviluppare secondo il Ministero dell’Istruzione nel 2021:

  • intensificare le iniziative volte a promuovere tra gli insegnanti la diffusione di nuove metodologie didattiche;
  • azioni significative per supportare il processo di sviluppo della didattica con il digitale;
  • investite risorse per continuare a sostenere e rinnovare il piano nazionale scuola digitale, l’attività degli animatori digitali e delle equipe formative territoriali;
  • potenziare le infrastrutture per l’apprendimento a distanza, rivelatosi determinante per garantire la continuità dei percorsi formativi ed educativi nel periodo di sospensione dell’attività didattica in presenza, e far sì che il piano d’investimenti per la diffusione della banda larga riconosca alle istituzioni scolastiche una posizione prioritaria.

    “Anche alla luce dei fabbisogni emersi nel corso dell’anno 2020 – affermano dal Ministero dell’Istruzione – si continuerà a promuovere l’impiego di strumenti e di piattaforme digitali per lo svolgimento e l’integrazione dell’attività didattica, in presenza e a distanza, nella piena consapevolezza che la valorizzazione della dimensione digitale della scuola italiana rappresenta un punto cardine per una trasformazione concreta dell’approccio all’educazione, all’istruzione e alla formazione delle giovani generazioni”.

Le ultime news

21-01-2021

Con la pandemia cresce la dispersione scolastica, ma Docet rappresenta un’alternativa

La pandemia ha stravolto il mondo dell’istruzione da quasi un anno ed aumentato il tasso di dispersione scolastica. Prevenire la dispersione scolastica è un problema comune a tutti i Paesi…

Leggi tutto
14-01-2021

Scuola, il 2021 sarà un anno sempre più “digitale”

Tutti speravamo che il 2021 fosse l’anno della svolta contro il Covid-19. E in effetti lo è grazie alla diffusione del vaccino, ma ci vorrà tempo prima di poter riprendere…

Leggi tutto
22-12-2020

Gli Auguri di Docet: la sfida è stata superata e affrontiamo il futuro con ottimismo e determinazione

L’anno appena trascorso ha messo a dura prova ogni nostra resistenza fisica e psicologica. La pandemia ha colpito duro, ha stravolto le nostre abitudini e le nostre vite. In un…

Leggi tutto