Archivio news

Se si vuole trovare un posto di lavoro, è fondamentale avere in tasca il diploma e la laurea. E questo vale molto di più oggi, in un mondo globalizzato e competitivo che richiede conoscenze e competenze specifiche e certificate. Quello del lavoro è un mercato sempre più dinamico e le opportunità per giovani diplomati e laureati sono dietro l’angolo. Sono quasi 900 mila, infatti, i laureati che troveranno lavoro tra il 2020 e il 2024. Le cifre sono state comunicate da Unioncamere (ed elaborate nell’ambito del Sistema informativo Excelsior) che ha effettuato i calcoli basandosi sui fabbisogni occupazionali tra il 2020 e il 2024. Entro il 2024, Unioncamere evidenzia come le stesse opportunità lavorative saranno offerte ad altri 900 mila diplomati e a 680 mila persone con qualifica professionale (e per gli indirizzi di formazione e istruzione professionale si prospettano le maggiori difficoltà, visto che, in 4 casi su 10, non saranno disponibili sul mercato). Si tratta di quasi 2 milioni e mezzo di nuovi lavoratori che saranno chiamati a integrare o sostituire il personale uscente per ragioni di età.

I laureati e i diplomati dovrebbero rappresentare nel complesso il 69% del fabbisogno occupazionale – con una quota particolarmente elevata richiesta dal settore pubblico, pari al 92% – mentre il personale con qualifica professionale peserà per il 26% (quasi esclusivamente destinato ai settori privati). Per un ulteriore 5% di fabbisogno di personale non sarebbe necessaria una particolare qualifica o titolo di studio.

Ma quali saranno i settori interessati? Tra i laureati serviranno 173 mila unità per l’indirizzo medico-paramedico, 119 mila unità per l’indirizzo economico, 117 mila unità per il settore ingegneria, 104 mila per quello dell’insegnamento e la formazione, 88 mila per area giuridica

Per quanto riguarda i diplomati, invece, le previsioni relative al fabbisogno stimano la creazione di 260 mila posti di lavoro nell’indirizzo amministrativo, 243 mila per l’industria e l’artigianato, il settore meccanico e quello dell’elettronica. Altri 78 mila posti nasceranno nel turismo e 66 mila nel settore socio-sanitario.

Le ultime news

21-10-2020

Studio, formazione e soft skills: ecco la ricetta per i lavoratori del futuro

Secondo fonti di analisti esperti, l’80% dei lavori che esisteranno nel 2030 non sono ancora stati inventati, mentre il 30% dell’occupazione esistente sarà influenzata da cambiamenti rivoluzionari il cui impatto…

Leggi tutto
14-10-2020

Gli studenti promuovono l’Educazione civica nelle scuole

Non è un mistero che la “nuova” Educazione civica (materia che da quest’anno torna curriculare in tutti gli istituti di ogni ordine e grado) abbia destato, già prima dell’avvio di…

Leggi tutto
07-10-2020

Lavoro: migliaia di posti per i prossimi 5 anni, ma solo per diplomati e laureati

Se si vuole trovare un posto di lavoro, è fondamentale avere in tasca il diploma e la laurea. E questo vale molto di più oggi, in un mondo globalizzato e…

Leggi tutto