Archivio news

Fino al 20 marzo più del 90% delle università ha erogato la formazione online. Il 94% delle lezioni sono state erogate online, con accesso alle piattaforme da parte di 1 milione e 200 mila studenti e (solo a marzo) sono stati svolti online 70 mila esami. I numeri forniti dal ministro dell’Università, Gaetano Manfredi, descrivono molto bene lo scenario in atto nel mondo dell’Istruzione italiano in piena crisi da coronavirus.

L’operazione emergenziale – ha riferito il ministro al Manifesto – è stata gestita con l’obiettivo di garantire continuità dell’azione, ovvero sospendendo lezioni con presenza fisica ma senza interrompere le attività delle università, che avrebbe comportato la sospensione di una serie di obblighi: esami, scadenze per il raggiungimento crediti o per la partecipazione degli studenti agli scambi con l’estero, agevolazione tasse. Parliamo di problemi angoscianti per la ripartenza. Nel frattempo stiamo anche lavorando sul dossier investimenti, anche in riferimento al ‘Piano-Sud’ e ai programmi di trasformazione digitale”.

Uno scenario che secondo gli esperti di digitale ha proiettato il sistema di istruzione italiano di 4 anni avanti nel futuro in pochi giorni. Per non parlare del mondo della scuola che, nonostante le difficoltà iniziali, sta riuscendo a mettere a regime la didattica online in quasi tutti i gradi di istruzione. Una rivoluzione che sta trasformando definitivamente il modo di apprendere di migliaia di ragazzi e il modo di insegnare di centinaia di docenti. Resta la criticità del digital divide in varie aree del paese. Ben il 55% delle scuole italiane, infatti, è situato in aree interne.

Emerge ancora di più la necessità di superare il digital divide in termini di capacità e velocità di accesso – ha spiegato Manfredi – Più in generale, ciò che servirà nella fase post emergenza sono strumenti per una decompressione sociale. L’emozione forte vissuta oggi ci consentirà di mettere a sistema un approccio che alcuni atenei avevano già iniziato a sperimentare: un’offerta ‘blended’, che abbinerà attività in presenza ad attività online, molto più integrata e inclusiva”.

Le ultime news

23-09-2020

Scuole sempre più connesse con la nuova Didattica digitale integrata

Se la DAD (didattica a distanza) è stata “croce e delizia” per le scuole durante il periodo di lockdown - permettendo di evitare un sicuro e totale stop alle lezioni…

Leggi tutto
15-09-2020

DOCET: “LA SCUOLA E’ NEI SUOI STUDENTI”

A pochi giorni dal suono della prima campanella dopo mesi di silenzio nelle aule, anche i privatisti hanno concluso il loro percorso di studi. E’ questo per noi un grande…

Leggi tutto
10-09-2020

Rischio Covid-19 a scuola, la formazione a distanza può essere una valida soluzione

Magari non sarà come la “movida”, ma il “rischio zero” con la riapertura delle scuole non esiste. Non solo lo hanno ammesso gli esperti del Comitato tecnico scientifico, ma lo…

Leggi tutto